#OpenCamera

La diretta dei lavori parlamentari


#Territorio

Calendario e notizie dei miei interventi locali

13 Maggio
Portici
ore 14, ex scuola Pennese

Presentazione lista Articolo Uno con Arturo Scotto e Massimo Paolucci

14 Maggio
Scampia
Iniziativa con Articolo Uno

22 Maggio
Ercolano
Iniziativa con Pierluigi Bersani


Agenda Parlamentare

Consulta il Calendario dei Lavori, Ordini del Giorno, Webtv


Archivio Interventi

In Aula e nelle Commissioni



Proposte di Legge presentate

Testi

Proposte di inchiesta parlamentare

Testi

Interventi su progetti di legge

Testi

Mozioni, interpellanze e interrogazioni

Testi

Ordini del giorno in Assemblea

Testi

Altri interventi in Commissione

Testi


Camera dei deputati

#Vaccini, il Governo ha posto la questione di #fiducia sul decreto in materia di prevenzione vaccinale, già approvato dal Senato #OpenCamera



Lettera Aperta

Questa settimana parliamo di…


  • #99 – Gli incendi si spengono venti anni prima

    25/07/17

    Fare del Vesuvio, non un problema, ma una risorsa. Non solo rischio ma opportunità. E’ stato con questo spirito che mi sono mossa quando ero sindaco di Ercolano e, per un periodo, contemporaneamente presidente della Comunità del Parco del Vesuvio.
    Fu la fase delle installazioni di arte moderna lungo il percorso del vulcano, quella mostra permanente a cielo aperto chiamata Creator Vesevo. Dieci opere da tutto il mondo a segnare il percorso verso il gigante. E da lì, l’idea complessiva di mettere il vulcano, lo straordinario patrimonio che intorno a lui fiorisce, al servizio del territorio, come un alleato non come un avversario.
    E’ passato del tempo da allora. Lo si vede in questi giorni desolanti. Una sconcertante sequenza di incendi ha devastato i boschi, la vegetazione, lambito le case, allontanato gli animali, alterato – mi auguro in modo non irrimediabile – l’equilibrio delicatissimo di quell’ecosistema. Incendi dolosi, si è detto sulle prime. La magistratura appurerà le responsabilità e, mi auguro, soprattutto gli scenari, partendo – io spero – dalla domanda inevitabile, e cioè a chi giova tutto questo?
    La relazione del Ministro Galletti tenuta alla Camera sul tema è stata evasiva, deludente, senza una parola sulle responsabilità politica e senza un’idea per la programmazione. Migliaia di ettari di bosco andati in fiamme, case in pericolo, patrimonio distrutto: ma il ministro non sa dire come sia stato possibile.
    A noi, invece, spetta proprio il compito di riflettere sul perché non siamo riusciti né a fare del Vesuvio una risorsa né a proteggere quello che il Parco di suo rappresenta per il territorio. Dice uno studioso che gli incendi si spengono venti anni prima che avvengono. Lo si fa con la prevenzione, la cura, la tutela del territorio. E’ evidente che pesa sul destino di quella ampia zona una generale inefficienza degli enti preposti, all’interno di una difficile e mai realizzata amalgama tra comuni, Parco, Regione.
    Nella prospettiva di quell’area, come luogo unico e coordinato di tutela e valorizzazione, non ci ha mai creduto nessuno. Anche quelli che in queste ore si stracciano le vesti adombrando interessi occulti, trame oscure, colpe sempre esterne, come calate dall’alto, in realtà dovrebbero cominciare dal prendersi ciascuno le proprie responsabilità. Se gli incendi sono dolosi, si dovranno accertare colpevoli e moventi. Ma intanto se il patrimonio boschivo fosse stato correttamente manutenuto, e non letteralmente abbandonato a se stesso, non si sarebbero avuto danni così ingenti. Se fosse stata costruita per tempo una rete di sentinelle del territorio, di esperti, anche di giovani volontari, o squadre di operai addestrati, presenti sulle zone, pronti a intervenire, le fiamme non si sarebbero propagate in modo così violento e insistente; se ci fosse stato un minimo di preparazione, di organizzazione, e non questa visibile, sconcertante sottovalutazione del problema (con i sindaci fuori dai loro territori mentre la casa brucia), questa improvvisazione, avremmo contenuto problemi e disagi; se si fossero realizzate per tempo e sul serio le iniziative di videosorveglianza tante volte promesse, con telecamere e vigilanti per combattere gli sversamenti abusivi, le azioni fuorilegge, e anche le attività criminali degli incendiari, forse si sarebbe insinuato qualche deterrente più efficace.
    Invece, non si è fatto nulla. Molte polemiche, poche azioni. Ecco perché questo abbraccio di fiamme che ci ha riempito di vergogna, oltre ad avere dei responsabili materiali, ha anche colpevoli morali e politici, che devono essere incalzati e messi di fronte alle loro responsabilità.
    Per il futuro, la strada non può essere che quella già segnata da molti ambientalisti e da alcuni di noi, da tempo. Un grande piano Vesuvio. Un piano di investimenti, soprattutto sul capitale umano. Giovani sentinelle contro i fuochi e contro i saccheggi. Un incrocio di figure professionali e volontari, una mobilitazione che sia tutela, vigilanza, protezione, manutenzione e promozione turistica. Certo, le fiamme hanno arso ettari di bosco. Lì dove c’era vegetazione viva oggi ci sono ceneri e braci. Ma il Vesuvio è lì. La natura ha una straordinaria capacità di rigenerazione. Possiamo ancora fare molto. Mettiamoci al lavoro per trasformare il nostro vulcano da pericolo a risorsa, da nemico potenziale a grande alleato.

  • #98 – Svoltare a sinistra

    C’è bisogno di una svolta a sinistra. Senza un cambio di passo non ha senso sostenere il governo Gentiloni, che se intende fare politiche di destra, deve andare a chiedere i voti a destra. Non poteva essere più chiaro, il tono del dibattito che Mdp ha costruito a Roma, l’altro giorno, nel Centro congressi Cavour, durante un’assemblea che ha rappresentato un appuntamento di costruzione della…

    Read More
  • #97 – Libri e archivi, beni comuni

    E’ stato approvato alla Camera il disegno di legge sulla concorrenza, che ora dovrà tornare al Senato per una nuova lettura dopo che a Montecitorio il testo ha trovato alcuni correttivi. Sono alcuni anni, ormai, che questa proposta di legge viaggia da una camera all’altra, faticando a trovare una intesa globale. Sono tanti, del resto, i temi toccati e tutti molto complessi. Il gruppo di…

    Read More
  • #96 – Il dovere di provarci

    Il tema è di quelli storici, anche in qualche modo irrisolti: come tutelare la propria identità senza alimentare dannose divisioni. E’ un tema cruciale, soprattutto per la sinistra, così legittimamente attenta alla coerenza, all’idealità, al rigore culturale da sembrare a volte ingenua, priva di un orizzonte strategico, di una capacità di ragionamento. Oggi la questione si pone con forza, soprattutto dopo la scelta di molti…

    Read More
  • #95 – Beni culturali per tutti

    Forse ci siamo. La formula dubitativa è necessaria, visto che quando si parla dei lavori parlamentari mai nulla è sicuro. Ma è possibile, stavolta, vedere un risultato a cui stiamo lavorando da tempo. Il tema è la riproducibilità libera dei beni culturali, in particolar modo dei beni bibliografici e archivistici, oggi sottoposti a restrizioni incredibili, anacronistiche e decisamente dannose per gli studi e la diffusione…

    Read More
  • #93 – Ancora nominati, ora basta

    Si parla molto, in queste ore, di legge elettorale. La discussione politica, dopo mesi di torpore, si è improvvisamente infiammata. Si lavora freneticamente in commissione Affari costituzionali, da domani in Aula a Montecitorio. Il modello è quello proporzionale, con sbarramento al 5% e nessun voto di preferenza. Uno schema su cui in commissione si sta formando un consenso totale delle tre principali forze politiche in…

    Read More
Lettera Aperta - Archivio Completo

Luisa Bossa


Biografia Minima


Sposata, tre figli, è insegnante di latino e greco.


Attiva nel volontariato sociale, ha militato nel Movimento per la Pace e nel Movimento Internazionale per la Riconciliazione.


È stata Sindaco di Ercolano dal 1995 al 2005 ottenendo dall’Unicef il riconoscimento di “Sindaco difensore dei bambini”.


Ha promosso il Patto Territoriale del Miglio d’Oro per lo sviluppo e la valorizzazione dell’area vesuviana costiera. Già presidente della Comunità del Parco Nazionale del Vesuvio.

Membro del Comitato interministeriale per i diritti umani presso il Ministero degli Affari Esteri.
Consigliere regionale della Campania dall’aprile 2005 e presidente della VI Commissione regionale permanente: istruzione e cultura, politica sociale, attività per il tempo libero.

E’ stata componente della Commissione Affari sociali.
Attualmente membro della Commissione Parlamentare Antimafia
e della Commissione Cultura e Istruzione.
Nel febbraio 2013 è stata rieletta deputato al Parlamento per il Partito Democratico.

A seguito della scissione dell’ala sinistra del Partito Democratico, il 28 febbraio 2017 aderisce al nuovo gruppo Articolo 1 – Movimento democratico e progressista (Mdp).
 

Contatti


Nome (obbligatorio)

E-mail (obbligatorio)

Oggetto

Messaggio

captcha

Copia questo testo nella riga sotto e premi su 'Invia':


Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti

Informativa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Vi informiamo che: i dati personali sono raccolti al fine di registrare l’Utente, di attivare nei suoi confronti i servizi richiesti e di prestare le relative comunicazioni. I dati sono trattati elettronicamente nel rispetto delle leggi vigenti. L’interessato gode dei diritti di cui all’art.7 D.Lgs 196/2003. Il Titolare del trattamento dei dati personali è Luisabossa.it, che si avvale dei propri collaboratori incaricati allo scopo.